“Un viaggio nella memoria dei suoni (che diventano altresi suoni della memoria) in un quintetto che non rinuncia ai colori jazz.”

Advertisements

Guido Michelone – Il Manifesto